Si scopre che non ci è voluto molto per influenzare il medico. Infatti, le aziende farmaceutiche possono costringere i medici a prescrivere farmaci al prezzo di un panino.

Uno studio del 2016 pubblicato su JAMA Internal Medicine ha rilevato che i medici che prendono pasti gratuiti da Big Pharma tendono a prescrivere i farmaci promossi dall’azienda. I ricercatori hanno esaminato le informazioni su Medicare che prescrive statine, farmaci per la pressione sanguigna e antidepressivi. Osservando i dati di 279.669 medici, hanno scoperto che solo un pasto gratuito corrispondeva a tassi di prescrizione più elevati per i farmaci altamente pubblicizzati Crestor (rosuvastatina), Benicar (olmesartan) e Pristiq (desvenlafaxina).

La ricerca ha rilevato che sono bastati meno di $ 20 per aumentare le prescrizioni per il farmaco di marca. Se il cibo costasse più di $ 20 o il medico ricevesse cibo aggiuntivo, i prezzi delle prescrizioni sarebbero probabilmente aumentati ancora di più. Gli autori dicono che mentre lo studio non dimostra una relazione causale, esiste una relazione tra i due.

Ma questo non è l’unico studio che mostra questo legame tra pagamenti e prescrizione di farmaci o dispositivi. Anche l’analisi di ProPublica del 2016 sui pagamenti medici di Big Pharma ha mostrato un aumento delle prescrizioni di marca.

“In effetti, i medici che ricevevano pagamenti dal settore avevano una probabilità da due a tre volte maggiore di prescrivere farmaci di marca a prezzi eccezionalmente alti rispetto ad altri nella loro specialità”, ha affermato ProPublica.

Un portavoce di Pharmaceutical Research and Manufacturers of America, un gruppo commerciale del settore, ha dichiarato a ProPublica che molti fattori influenzano le decisioni di prescrizione dei medici.

“Lavorando insieme, le aziende biofarmaceutiche e i medici possono migliorare l’assistenza ai pazienti, fare un uso migliore dei farmaci moderni e promuovere lo sviluppo dei farmaci di domani”, ha scritto. “I medici forniscono informazioni reali e feedback e consigli preziosi per informare le aziende sui loro farmaci per migliorare l’assistenza ai pazienti”.

Le 10 principali società di pagamenti per dottori

Azienda Numero di pagamenti Totale pagamenti
Genentech, Inc. 6 486 $ 388 milioni
DePuy Synthes Products LLC 2.565 $ 94,7 milioni
Topera Inc. 298 $ 93,1 milioni
Stryker Corporation 120 404 $ 90,8 milioni
AstraZeneca Pharmaceuticals LP 968 562 $ 90,7 milioni
Medtronic Sofamor Danek USA, Inc. 45 180 $ 85 milioni
Pfizer Inc. 738 451 $ 82,5 milioni
Zimmer Holding Inc. 47.417 $ 70,5 milioni
Allergan Inc. 343 906 $ 69,9 milioni
Arthrex, Inc. 15 152 $ 58,9 milioni

Campagne di marketing camuffate da sperimentazioni cliniche

“Alcuni studi sponsorizzati dall’azienda su farmaci approvati sembrano avere poco o nessun uso scientifico. Poiché sono essenzialmente un velato tentativo di indurre i medici a prescrivere un nuovo farmaco commercializzato dall’azienda, vengono spesso definiti “studi culturali”.

Le prove di inoculo sono tentativi sottilmente velati da parte dei farmacisti di vendere farmaci ai medici e forse alcune delle forme più insidiose di marketing.

“Nell’era della ricerca commerciale, questo è il nuovo volto dello scandalo”, ha scritto Carl Elliott sul New York Times. “Le aziende farmaceutiche stanno promuovendo i loro farmaci attraverso pseudo-ricerca che ha poca rilevanza scientifica e i pazienti si iscrivono ingenuamente senza sapere come vengono utilizzati”.

Questi studi clinici prospettici hanno diverse caratteristiche distinte. Assumono medici che spesso prescrivono farmaci concorrenti per il farmaco sperimentale, sono mal progettati e pagano tariffe elevate ai medici coinvolti nella sperimentazione che prescrivono il farmaco.

Il vero scopo dei seed test rimane nascosto fino a quando non emergono documenti del tribunale in una causa contro le aziende farmaceutiche. Le aziende non rivelano lo scopo di queste prove per convalidare consigli, medici o pazienti e nella pratica poco è disponibile pubblicamente.

“Questa pratica, un seed test, è un marketing camuffato da scienza. L’obiettivo ovvio è testare l’ipotesi “, hanno scritto i medici. Harold S. Sox e Drummond Rennie in un editoriale sugli Annals of Internal Medicine. “Il vero obiettivo è che i medici prendano l’abitudine di prescrivere nuovi farmaci”.

Uno degli esempi più famosi del processo di semina emerso durante la causa contro Merck per il suo antidolorifico Vioxx. Lo studio, denominato ADVANTAGE (Evaluation of Differences Between Vioxx and Naproxen to Determine Gastrointestinal Tolerance and Efficacy), aveva lo scopo di valutare la sicurezza gastrointestinale del farmaco. Lo studio è persino apparso su riviste mediche sottoposte a revisione paritaria, secondo una recensione pubblicata negli Annals of Internal Medicine dal dott.Kevin P. Hill e colleghi.

Ma i medici o i ricercatori non hanno realmente progettato lo studio.

Secondo documenti interni, il team di marketing di Merck ha progettato lo studio per raggiungere “un gruppo chiave di medici per accelerare l’adozione di Vioxx come secondo concorrente in una nuova classe altamente competitiva e raccogliere dati rilevanti per questo gruppo di clienti”. Merck ha persino nominato il team di marketing per il premio come miglior dottore. Merck ha successivamente ritirato Vioxx dal mercato dopo che un gran numero di pazienti che assumevano il farmaco ha subito attacchi di cuore.

Parke-Davis, ora parte di Pfizer, ha condotto ancora un altro studio di inoculazione sul suo farmaco anti-sequestro, Neurontin. I ricercatori inesperti e la scarsa progettazione degli studi hanno portato a conseguenze disastrose. Non solo non ha fornito molte informazioni utili, ma 11 partecipanti allo studio sono morti e 73 hanno avuto gravi effetti collaterali.

La dipendenza di Pharma dal marketing di bassa qualità

Nel disperato tentativo di mantenere i loro margini di profitto elevati, le aziende farmaceutiche sono sempre più impegnate in attività illegali come pubblicità pericolosa e illegale di farmaci per uso non approvato dalla FDA, una pratica comunemente chiamata “promozione off-label”.

Una delle pratiche più controverse nel marketing farmaceutico è la cosiddetta pubblicità irregolare: commercializzare un farmaco ai medici per un uso non approvato dalla FDA. Sebbene gli operatori sanitari abbiano il diritto legale di prescrivere un farmaco per uso off-label, è illegale per un’azienda farmaceutica promuoverlo perché la FDA non ha ricevuto prove che il farmaco sia sicuro o efficace per tale uso.

Sfortunatamente, la promozione off-label avviene più spesso di quanto il pubblico americano sappia. In alcune aree della medicina, come la pediatria e la psichiatria, l’uso di farmaci è off-label. I sostenitori dicono che le aziende farmaceutiche dovrebbero essere in grado di discuterne.

“Lo sponsor del farmaco, la compagnia farmaceutica, è generalmente in una posizione migliore per parlare di uso off-label perché sa di più sull’uso sicuro ed efficace del farmaco rispetto a qualsiasi altra agenzia”, ​​ha detto Camp. “Se Einstein fosse tra noi, l’ultima cosa che vorremmo fare è dire che tutti possono parlare della teoria della relatività, ma non lasceremo che Einstein ne parli, perché è stato lui che ha avuto questa idea.”

Poiché i farmaci sono spesso approvati dalla FDA per usi molto limitati, le aziende farmaceutiche si affrettano a sfruttare l’uso improprio a scopo di lucro, spesso a scapito della sicurezza dei pazienti.

In alcuni casi, i pazienti possono avere accesso a trattamenti salvavita non prescritti. Ad esempio, questo è spesso il caso dei trattamenti sperimentali contro il cancro. Anche i pazienti con malattie rare e incurabili possono trarne beneficio. Ma le intenzioni delle aziende farmaceutiche potrebbero non essere così nobili.

Poiché i farmaci sono spesso approvati dalla FDA per un uso molto limitato, le aziende farmaceutiche fanno rapidamente un uso improprio a scopo di lucro, spesso a scapito della sicurezza dei pazienti. Ufficialmente, considerano questa pratica illegale. In modo non ufficiale, forniscono incentivi ai rappresentanti di vendita e li addestrano persino a tattiche di vendita off-label a medici, ospedali e altre istituzioni sanitarie come le case di cura. Per alcuni, costruire etica può significare essere licenziati.

Uno di quegli ex rappresentanti di vendita era Melaina Lokoski. Ha lavorato per la startup Acclarent, ora parte della divisione Ethicon di Johnson & Johnson, che ha acquisito Acclarent nel 2010. In precedenza, ha lavorato per Bristol-Myers Squibb e Schwarz Pharma.

“Sono la prova vivente di questa pratica”, ha detto Lokoski a Drugwatch. “Quando ho iniziato a contestare questo comportamento all’Eclacon, poi alla Johnson & Johnson’s Acclarent, sono stato licenziato per errore.”

Lokoski ha sporto denuncia presso la Corte Suprema di Los Angeles nel 2015, accusando Acclent di pubblicità off-label per il suo distanziatore Relieva Stratus MicroFlow per somministrazione di farmaci non dimostrata. Secondo la denuncia, J&J è responsabile per milioni di dollari di danni relativi alle compagnie di assicurazione che pagano per dispositivi Acclarent non necessari dal punto di vista medico venduti ai medici per uso improprio non comprovato.

William Facto, che era CEO, e Patrick Fabian, che era VP of Sales – due ex alti dirigenti di Acclarent – devono affrontare accuse di frode in Massachusetts. Un atto d’accusa del gran giurì federale afferma di aver messo sul mercato un’etichetta personalizzata per l’Acclarent Relieva Stratus MicroFlow Spacer per fornire steroidi. La FDA ha approvato solo un dispositivo per l’apertura del seno.

“I rappresentanti ora, sulla base di decisioni recenti, possono vendere off-label se quello che dicono è reale”, ha detto Lokoski. “Il problema con la FDA che concede all’industria la possibilità di vendere off-label è che ci vorrà un miglio, come ora vediamo nel caso di Johnson e Johnson Acclarent.”

L’uso off label porta a più effetti collaterali

L’abuso di droghe può anche stimolare un aumento degli effetti collaterali. Secondo uno studio Tewodros Eguale del 2015 condotto da JAMA Tewodros Eguale e colleghi, dei primi cinque farmaci off-label, circa l’80% non aveva prove scientifiche convincenti per l’uso off-label.

Durante lo studio, sono state studiate 151.305 ricette. Circa il 7,6% dei pazienti ha sofferto di effetti collaterali del farmaco, ma quando lo stesso farmaco è stato utilizzato in modo improprio, l’incidenza degli effetti collaterali è stata del 44% superiore.

Commercializzazione di farmaci antipsicotici per bambini e anziani

Uno dei casi più diffusi di marketing ad hoc negli ultimi anni è associato alla straordinaria pubblicità di Johnson & Johnson del suo farmaco antipsicotico Risperdal (risperidone). Il farmaco è stato originariamente approvato dalla FDA solo nel 1993 per il trattamento della schizofrenia negli adulti. Tuttavia, ciò non ha impedito a J&J di commercializzare il farmaco per ADHD, ansia, problemi di sonno, depressione e ostilità in gruppi ad alto rischio di effetti collaterali pericolosi, in questo caso, bambini e anziani.

Nelle prime prove di J&J, i ricercatori hanno scoperto che gli effetti collaterali del farmaco nei bambini e negli anziani erano significativi, secondo il documento di ricerca America’s Most Admirable Lawbreaker di Stephen Brill. Nonostante ciò, J&J Janssen gestiva questi due gruppi redditizi.

“Risperdal è stato designato per trattare le manifestazioni di disturbi psicotici”, ha scritto Lisa Stockbridge, allora della Divisione Marketing, Pubblicità e Comunicazione della FDA, direttore degli affari regolatori di Janssen. “Tuttavia, Janssen fa circolare materiale che, senza una giustificazione sufficiente, indica che Risperdal è sicuro ed efficace per il trattamento specifico dell’ostilità negli anziani”.

Il gran numero di morti inspiegabili per malattie cardiovascolari e ictus in pazienti anziani che assumevano Risperdal ha causato serie preoccupazioni per Stockbridge e la FDA. Infatti, l’agenzia ha negato la richiesta di J&J per l’autorizzazione di Risperdal per uso anziano nel 1999 a causa di problemi di sicurezza. In particolare, J&J “non è riuscito a indagare e spiegare completamente quello che sembrava un eccesso di morti”.

Uno degli effetti collaterali più controversi è stata la crescita del seno nei ragazzi e negli uomini, una condizione chiamata ginecomastia. I documenti del tribunale dicono che J&J era consapevole del rischio. Ma negli anni ’90, Risperdal guadagnava circa il 20 percento delle sue entrate dalle vendite ai bambini, anche se la FDA non aveva prove che fosse sicuro o efficace in questo gruppo. J&J lo ha commercializzato attivamente per ADD e ADHD e ha pagato grossi bonus ai rappresentanti per renderlo sicuro per i medici.

Allo stesso tempo, l’azienda si è concentrata sul riunire accademici rispettati per aiutare la causa promuovendo i risultati non appena diventano disponibili e rendendo Risperdal la scelta migliore per i pediatri, indipendentemente da ciò che dice l’etichetta della FDA. – ha scritto Brill nel suo articolo.

Le azioni legali intentate da genitori e adolescenti che hanno avuto ginecomastia, dicono, sono state portate da Risperdal, sono state presentate nei tribunali statali e federali di tutto il paese.

Austin Pledger ha vinto la prima giuria di Risperdal nel 2015. Pledger ha sviluppato il seno 46DD quando era un adolescente dopo aver iniziato il farmaco all’età di 8 anni. La giuria gli ha assegnato $ 2,5 milioni dopo che J&J non ha avvertito del rischio di ginecomastia.

Il settore farmaceutico spende miliardi in multe per frode di marketing

Il Dipartimento di Giustizia riscuote miliardi di dollari di multe dalle aziende farmaceutiche che violano regolarmente la legge. Finora, il più grande insediamento nella storia americana appartiene a GlaxoSmithKline. L’azienda ha pagato 3 miliardi di dollari per risolvere le accuse penali e civili relative al traffico di droga e al fallimento dei dati di sicurezza. Il farmaco alla base della controversia era il suo popolare antidepressivo, Paxil. Il gigante farmaceutico si è dichiarato colpevole di promuovere il farmaco come trattamento per i bambini sotto i 18 anni, sebbene la FDA non lo abbia mai approvato per questo uso.

“La pubblicità off-label può essere criminalizzata a causa del potenziale di gravi effetti negativi sulla salute per i pazienti derivanti da tali attività promozionali”, ha affermato il dottor Michael A. Karom, direttore del gruppo di ricerca sulla salute di Public Citizen di Drugwatch. .

Secondo uno studio di Public Citizen del marzo 2016, “Venticinque anni di pene civili e penali nell’industria farmaceutica: dal 1991 al 2015” i governi federali e statali e le case farmaceutiche hanno raggiunto un totale di 373 località per un totale 35,7 miliardi di dollari.

“Molte violazioni e la più ampia categoria di sanzioni pecuniarie derivano da pratiche diverse dalla promozione diretta dei prodotti farmaceutici”, ha affermato Karom.

Le multe non fermeranno una grande azienda farmaceutica

Indipendentemente dalle enormi multe del ministero della Giustizia, gli esperti dicono che la farmacia non farà a meno della pubblicità in tempi brevi: si possono guadagnare troppi soldi. La mancanza di supervisione da parte del governo federale e della comunità medica consente ai produttori di farmaci di trovare scappatoie nelle leggi, riferisce Forbes.

Secondo un rapporto del Cosen O’Connor Practical Life Science Group, le ricette irregolari generano circa 40 miliardi di dollari all’anno, ovvero circa il 20% delle entrate totali. Con tali cifre, Big Pharma è pronta a donare diverse centinaia di milioni per un’ammenda una tantum.

Ad esempio, nel caso di Risperdal, le prescrizioni rappresentavano il 75% delle vendite nel 2002. Secondo i documenti del tribunale, è stato il secondo farmaco più venduto di J&J e il marketing scadente ha portato il farmaco dalle vendite da 172 milioni di dollari nel 1994 a 1,7 miliardi di dollari nel 2005.

Fino al 2013, il Dipartimento di Giustizia non ha raggiunto un accordo di $ 2,2 miliardi, quasi due decenni di profitti off-label.

Le più grandi soluzioni per le frodi di marketing

Azienda Importo Droghe Anno
GlaxoSmithKline Paxil, Wellbutrin, Avandia 2012
Pfizer $ 2,3 miliardi Bextra, Geodon, Zyvox, Lyrica 2009
Johnson & Johnson $ 2,2 miliardi Risperdal, Invega, Natrekor 2013
Abbott Laboratories $ 1,6 miliardi Depakote 2012
Zyprexa $ 1,4 miliardi Zyprexa 2009
Merck $ 950 milioni Vioxx 2011
Serono $ 704 milioni Serostim 2005
Purdue Pharma $ 634,5 milioni OxyContin 2007
Allergan $ 600 milioni Botox 2010
AstraZeneca $ 520 milioni Seroquel 2010
Bristol-Myers Squibb $ 515 milioni Abilify 2007

Corsi progettati per medici swing

Medici e ristoranti non sono l’unico modo per influenzare le ricette. Un altro modo in cui le aziende farmaceutiche e i produttori di dispositivi si rivolgono agli operatori sanitari è attraverso programmi di formazione continua La legge impone ai medici di seguire corsi di formazione continua per mantenere le loro licenze in 45 stati. E i prodotti farmaceutici non hanno bisogno di rivelare i soldi che spendono per questi programmi.

Big Pharma ha sempre contribuito notevolmente al finanziamento di questi corsi, molti dei quali sono gratuiti per i medici. Nel 2014, i fornitori di corsi hanno registrato un fatturato di 2,7 miliardi di dollari e circa 676 milioni di dollari provenivano da produttori di dispositivi e aziende farmaceutiche, come dimostrato da una ricerca di Milwaukee Journal Sentinel e MedPage Today.

Norme rigorose che impongono ai medici di divulgare informazioni sui finanziamenti e le università che rifiutano denaro a un’azienda farmaceutica, hanno portato il farmacista ad assumere società di terze parti. Queste aziende hanno creato materiali, assunto istruttori e organizzato corsi.

“Pensa a questo come al denaro oscuro della medicina”.

“Queste aziende vogliono più soldi dall’industria e certamente non seguiranno un corso che non piaccia all’industria”, afferma Paul Lichter, che dirige i conflitti di interesse clinico ed educativo dell’Università del Michigan. comitato, la rivista Sentinel ha detto “Sanno dove è imburrato il loro pane”.

Sentinel Magazine e MedPage Today hanno esaminato 75 corsi di terapia sostitutiva del testosterone finanziati da Big Pharma e hanno scoperto che metà degli istruttori era pagata per i farmaci e 65 degli istruttori del corso erano associati a un’azienda che produce o commercializza i prodotti. E questi corsi sono orientati verso un uso improprio.

I materiali del corso utilizzano spesso ricerche finanziate dall’industria farmaceutica o ricerche con informazioni discutibili. Ad esempio, solo 13 uomini hanno preso parte a uno studio. Diversi studi dimostrano che il testosterone può contribuire allo sviluppo del cancro alla prostata, tuttavia Abbott, il produttore di AndroGel, ne ha promosso l’uso negli uomini con cancro alla prostata attivo di basso livello. Le etichette approvate dalla FDA per il farmaco affermano inoltre che gli uomini con cancro alla prostata noto o sospetto non dovrebbero usare il farmaco.

ruolo FDA

“La FDA ha una politica che suona bene, ma la realtà è molto diversa dalla politica scritta.

Contrariamente all’opinione pubblica, la FDA non considera sicuri tutti i farmaci pubblicizzati. In effetti, la FDA vede gli annunci nello stesso momento in cui il pubblico li vede. Nel frattempo, un pubblico ignaro corre il rischio di essere esposto a droghe dannose. In effetti, l’agenzia su cui molti consumatori si affidano per fornire la supervisione di tutte le cose relative a droghe e dispositivi sembra fare un lavoro scadente.

Solo il 33% degli americani crede che la FDA stia facendo un “buon” lavoro di regolamentazione dei nuovi farmaci, secondo un sondaggio di Harvard e STAT. Più della metà pensa di stare bene o male.

Quindi cosa fa effettivamente la FDA quando si tratta di frenare il marketing farmaceutico? Pochissimi, a quanto pare, e qualsiasi consiglio della FDA alle aziende farmaceutiche è volontario.

“Nella maggior parte dei casi, la legge federale non consente alla FDA di richiedere alle aziende farmaceutiche di presentare annunci per l’approvazione prima dell’uso”, ha affermato la FDA sul suo sito web. “Molte aziende farmaceutiche chiedono volontariamente la nostra consulenza prima di pubblicare annunci televisivi. Tuttavia, se riteniamo che una pubblicità violi la legge, inviamo una lettera all’azienda farmaceutica chiedendole di interrompere immediatamente la pubblicazione degli annunci “.

Anche le email delle società farmaceutiche della FDA stanno diventando più piccole.

Secondo Public Citizen, dal 1997 al 2001, l’agenzia ha inviato una media di 111 lettere all’anno. Ma quel numero è sceso a 29 all’anno dal 2010 al 2014. L’agenzia ha anche l’autorità di imporre sanzioni pecuniarie effettive ai produttori per la pubblicità illegale dal 2007. Public Citizen ha chiesto alla FDA nel 2015 se avesse mai valutato una simile multa, e non l’ha mai fatto.

“La FDA è responsabile della regolamentazione del marketing e della promozione dei farmaci. Sfortunatamente, l’agenzia ha scarso controllo sulla pubblicità DTC “, ha affermato Karom di Public Citizen. “Pertanto, la FDA dovrebbe essere più vigile nel monitorare gli annunci di DTC, dedicare più risorse alla supervisione del marketing delle aziende farmaceutiche e intraprendere azioni più aggressive contro le aziende che fuorviano gli annunci pubblicitari”.

Altri critici della FDA hanno adottato un tono ancora più duro.

Nel 2002, i critici hanno criticato le pubblicità stampate e trasmesse da AstraZeneca per il tamoxifene, dicendo che hanno esagerato i benefici e minimizzato i rischi. La FDA ha approvato il farmaco per donne sane ad alto rischio di sviluppare il cancro al seno. Dopo cinque anni di terapia, la pubblicità del farmaco mostrava una riduzione del 47% dell’incidenza del cancro al seno e riduceva al minimo i rischi gravi come il cancro uterino e i coaguli di sangue.

La FDA ha impiegato sei mesi per rispondere, un ritardo che collega milioni di donne con effetti collaterali potenzialmente pericolosi e prove di efficacia incomplete.

“Le normative FDA sono progettate e applicate per incoraggiare le aziende farmaceutiche a oltrepassare il limite, quando non ci sono risorse sufficienti per rilevare le violazioni e far rispettare tali normative”, ha affermato Barbara Brenner, direttore esecutivo dell’organizzazione per il cancro al seno. 2002. “Non hanno le risorse per monitorare gli annunci pubblicitari di droghe prima della pubblicazione, quindi l’onere del monitoraggio di tali annunci ricade sul pubblico.”

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *