Divieto di negoziati federali

Quello che sappiamo: Medicare è uno dei maggiori acquirenti di farmaci negli Stati Uniti.

Problema: la legge statunitense proibisce a Medicare di negoziare i prezzi direttamente con le aziende farmaceutiche.

Cosa dicono gli esperti: Un nuovo rapporto delle Accademie nazionali di scienza, ingegneria e medicina afferma che il Congresso dovrebbe rivedere la legislazione esistente in modo che il Dipartimento della salute e dei diritti umani degli Stati Uniti possa autorizzare negoziazione diretta dei prezzi con produttori e fornitori di farmaci. “Poiché i prezzi tendono ad essere più bassi quando l’acquirente ha un potere contrattuale almeno paragonabile a quello del venditore, gli Stati Uniti potrebbero ottenere prezzi più bassi per i farmaci da prescrizione consolidando la propria posizione di mercato”, afferma il rapporto. >

Cosa possono fare i consumatori: Firma la petizione dei pazienti per farmaci a prezzi accessibili e chiedi al Congresso di consentire a Medicare di negoziare riduzioni dei prezzi dei farmaci.

Sistema di prezzi gratuiti

Quello che sappiamo: Negli Stati Uniti, i produttori di farmaci stabiliscono i propri prezzi e hanno la possibilità di aumentare i prezzi quanto vogliono.

Problema: il prezzo dei farmaci da prescrizione di marca negli Stati Uniti è aumentato di quasi il 100% negli ultimi sei anni. Sebbene la FDA controlli quali farmaci sono disponibili negli Stati Uniti, l’agenzia federale non ha l’autorità legale per regolare i prezzi dei farmaci.

Cosa dicono gli esperti: In Europa, il governo spesso fissa i prezzi dei medicinali e i prezzi diminuiscono nel tempo poiché i paesi chiedono sempre più riduzioni di prezzo. Sebbene non esista una regolamentazione federale dei prezzi dei farmaci negli Stati Uniti, alcuni stati stanno adottando misure per controllare i costi. Ad esempio, California, Maryland, Nevada e Vermont hanno approvato una legislazione sui prezzi dei farmaci per frenare gli aumenti sleali dei prezzi.

Cosa possono fare i consumatori: Invia un’email al tuo stato a sostegno della legislazione sui prezzi dei farmaci per controllare i costi.

Mancanza di trasparenza

Quello che sappiamo: Gli assicuratori privati ​​e i gestori dei pagamenti stipulano i propri accordi con le aziende farmaceutiche e il pubblico rimane all’oscuro quando si tratta dei dettagli di questi accordi.

/ p>

Problema: dovrebbe esserci maggiore trasparenza finanziaria sui prezzi dei farmaci, secondo Norman Augustine, ex presidente della National Academy of Engineering.

Cosa dicono gli esperti: “Il Congresso dovrebbe richiedere piani per divulgare i prezzi netti medi pagati per i farmaci da prescrizione, compreso il modo in cui i pazienti spendono tra i piani e aziende biofarmaceutiche sul volume netto medio e sui prezzi pagati per i farmaci per ogni canale di vendita attivo “, secondo le Accademie Nazionali di Scienza, Ingegneria e Medicina. Le accademie nazionali sostengono che questi dati dovrebbero essere divulgati al pubblico e al Congresso, e la FTC dovrebbe usarli per combattere le pratiche anticoncorrenziali.

Cosa possono fare i consumatori: I consumatori possono sostenere l’S2157 Drug Transparency Act, un disegno di legge che impone ai produttori di farmaci di divulgare i prezzi dei farmaci soggetti a prescrizione in qualsiasi prodotto, pubblicità e marketing diretti ai consumatori.

Rampante pubblicità diretta ai consumatori

Quello che sappiamo: Le aziende farmaceutiche spendono molto di più nel marketing che in ricerca e sviluppo, il che potrebbe portare a nuovi farmaci, secondo la National Academy of Sciences of Engineering scienza e medicina.

Problema: La pubblicità diretta di farmaci da prescrizione (DTCA) può influenzare negativamente la scelta dei consumatori.

Cosa dicono gli esperti: “Chiunque guardi la TV sa che questi annunci sono prevalenti e chiunque li studi sa che stanno aumentando il costo dei farmaci farmaci da prescrizione, incoraggiando i pazienti a chiedere ai medici di prescrivere farmaci di marca più costosi se sono disponibili alternative più economiche “, afferma Michelle Mello, professore di diritto e professore di ricerca e politica sanitaria presso la Stanford University.

Cosa si può fare: “In termini di ciò che deve essere fatto per frenare il DTCA, questa è una questione legale complessa”, ha detto Mello. “La Corte Suprema ha segnalato un aumento delle protezioni per i discorsi commerciali, il che rende insidioso cercare di imporre restrizioni dirette al DTCA. Abbiamo preferito incoraggiare, soprattutto, i codici di condotta del settore che regnano volontariamente nel DTCA, insieme all’abolizione del credito d’imposta DTCA come spesa aziendale, attraverso il quale stiamo essenzialmente sovvenzionando questa attività socialmente indesiderabile. »

Blocco della concorrenza

Quello che sappiamo: La concorrenza generale deriva da prezzi più bassi dei farmaci, secondo la FDA.

Problema: le aziende farmaceutiche stanno sviluppando un sistema per bloccare la concorrenza dei generici e mantenere alti i prezzi dei farmaci. I produttori di farmaci abusano dei rinnovi dei brevetti, dell’esclusività e dei sistemi di distribuzione limitata, che sono protocolli di sicurezza che garantiscono la distribuzione sicura dei farmaci. Le aziende di marca pagano persino i produttori di farmaci generici per impedire loro di offrire opzioni più economiche sul mercato (noto come pagamento in ritardo).

Cosa dicono gli esperti: La FDA non può fermare questa pratica, ma può aiutare a ridurre i costi dei farmaci approvando opzioni più generali. “L’agenzia si impegna a promuovere la concorrenza nel mercato dei farmaci da prescrizione approvando farmaci generici a basso costo”, ha affermato Walsh.

Cosa possono fare i consumatori: Walsh consiglia ai consumatori di prendere in considerazione la possibilità di contattare la FTC. “La FTC applica varie leggi federali in materia di antitrust e tutela dei consumatori”, ha affermato. “La FTC si impegna a garantire che i mercati nazionali funzionino in modo competitivo e siano vigorosi, efficienti e liberi da vincoli indebiti.

I consumatori possono anche partecipare alla campagna nazionale Patients for Affordable Medicine per approvare il CREATES Act, che consentirà alle aziende farmaceutiche di citare in giudizio i produttori che cercano di bloccare la concorrenza dei generici.

Costo di ricerca e sviluppo

Quello che sappiamo: Big Pharma sostiene che i costi elevati dei farmaci sono necessari per compensare i costi di ricerca e sviluppo.

Problema: i critici affermano che le aziende farmaceutiche stanno esagerando enormemente i costi per portare un nuovo farmaco sul mercato e che è ora che 300 milioni di americani smettano di sovvenzionare lo sviluppo di farmaci per il mondo .

Cosa dicono gli esperti: “Portiamo parte del fardello del resto del mondo”, ha detto Mello. “Le implicazioni etiche di ciò devono essere prese molto sul serio.”

Cosa possono fare i consumatori: Unisciti alla campagna Patients for Affordable Medicine per richiedere prezzi equi.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *